Yoga-gestione dello stress

Applicazione dei principi e delle tecniche yoga nella prevenzione e riduzione dello stress psicofisico

Breve presentazione:

La frenesia della vita odierna, i problemi da affrontare sul lavoro e nelle relazioni possono alimentare in noi stress e tensione.
Possiamo allora chiederci, come superare lo stress?
Ormai numerosissimi studi neurofisiologici e clinici dimostrano che la pratica yogica ha profondi e benefici effetti sul cervello e sulla salute fisica e mentale.
Le pratiche yoga presentate in questo percorso formativo propongono una serie di tecniche che aiutano a ridurre lo stress e a prevenire l’insorgere di disturbi psico-corporei.
Questo percorso rieducativo mette a disposizione le più antiche tradizioni orientali che sono state sperimentate con successo in tutti questi anni, per il miglioramento delle problematiche quotidiane legate allo stress e si rivolge a chi desidera ritrovare risorse, che aiutino a prevenire l’insorgere di disturbi psico-corporei e accrescere le capacità di ascolto, partendo da un ritrovato contatto con se stessi.
L’obiettivo è quello di impostare una via, un percorso consapevole, dove ricontattarsi riscoprendo nuove percezioni, aggiungere nuove emozioni che facciano cambiare i pensieri disturbanti e le difese, garantendo un distacco con le normali tensioni stressanti che impediscono una chiara visione di vita.
Questa capacità di gestire lo stato di affanno si definisce resilienza e può essere appresa generando nuovi fattori biologici, fisici, psicologici e sociali che permettano di resistere, adattarsi e rafforzarsi, a fronte di una situazione di rischio, generando un risultato individuale e morale di riconoscimento ed integrità del sé, restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità.
L’esperienza yogica sostiene lo sviluppo integrato delle istanze psico-affettive e psico-cognitive attraverso nuove esperienze di ascolto, dove riconoscere percezioni mentali capaci di sospendere giudizi, accettando il presente, ripercorrere le sensazioni di benessere come nuove vie emotive e cognitive, realizzando un nuovo rapporto con se stessi e con gli altri.
Capire le vie d’accesso per ascoltarsi e ri-costruirsi significa capire e comprendere i codici d’accesso anche per gestire le relazioni di aiuto che si presentano nella classe di yoga e nelle sessioni individuali o in tutte le situazioni professionali e interpersonali che ci accompagnano durante la vita.
In particolare, date le specifiche competenze dei conduttori, verranno presentati percorsi pratici e di meditazioni con l’obiettivo di fornire strumenti per:

  • Migliorare la capacità di gestione dello stress: resilienza

  • Migliorare il senso di benessere fisico

  • Migliorare la consapevolezza dei comportamenti della mente

  • Incrementare il benessere emozionale

  • Migliorare la capacità di concentrazione

  • Allentare il controllo mentale

  • Aprire la coscienza a nuove sensazioni e percezioni del sé
    Conoscere le proprie potenzialità curative

Tutto ciò con la finalità di aprirci alla consapevolezza dei propri processi interiori, riducendo il coinvolgimento di emozioni disturbanti consentendo di gestire in modo più funzionale ogni nostra esperienza.
Diventa quindi importante lavorare su tutti quei funzionamenti di base che consentano di recuperare il PIACERE come stato di profondo BENESSERE.

Il metodo:
La persona viene vista nella sua interezza, attraverso tutte le funzioni psico-corporee del Sé rappresentate nei piani:

  • posturale-muscolare

  • fisiologico

  • emotivo

  • cognitivo

Caratteristica degli incontri sarà l’approccio di tipo esperienziale.
Verrà dato ampio spazio alla parte pratica di sperimentazione soggettiva e saranno integrati momenti di scambio riguardanti la didattica e i concetti che sono alla base delle pratiche stesse. Concetti e pratiche verranno proposti utilizzando il linguaggio del sanscrito, quello della medicina moderna e quello comune.
Al primo incontro ci sarà la presenza della dott.ssa Veronica Ciavola, fisioterapista esperta in riabilitazione e rieducazione fisioterapica.


Presentazione dettagliata dei singoli incontri 

1° weekend – conduttrice Lucia Monica Ramponi

Sabato 11 febbraio mattina co -conduttore Veronica Ciavola Terapista della riabilitazione

· Problemi di origine posturale

· Rieducazione delle cerniere articolari degli arti inferiori e superiori

Vertebrale: lombalgie, lombo sciatalgie, cervicalgie, cervicobrachialgie, etc..
Articolare: periartrite scapolo-omerale, coxartrosi.
Muscolare: sindrome tensiva muscolare
Dismorfica: iperlordosi, ipercifosi , ginocchia valghe/vare, piede piatto/cavo

Sabato pomeriggio:

Le asana come rieducazione muscolare: approccio yoga di tipo propriocettivo (deha shuddi)

Domenica 12 febbraio

.Pranayama come rieducazione respiratoria(prana shuddi) ascolto e consapevolezza della forza vitale

·Yoga Nidra: Il training induttivo come pratica dell’abbandono

2° weekend – conduttore Massimo Bonomelli

.Sabato 11 marzo

· Definizione e basi fisiologiche dello stress

· Reazione e risposta: il pilota automatico e il rimuginare

· L’importanza dello yoga e della consapevolezza: una nuova esperienza per la mente

· Lo spazio del respiro come spazio neutro

· La consapevolezza dei pensieri, delle sensazioni e delle emozioni

· Modalità del fare e modalità dell’essere·

. Domenica 12 marzo

. L’interpretazione e la percezione degli eventi

· Come i pensieri influenzano la situazione vissuta

· Come affrontare i pensieri e le emozioni

· I modelli mentali: cosa sono, come nascono e come li usiamo

· I modelli funzionali e disfunzionali

· Come cambiare schema di reazione

· Come prevenire lo stress

· Il ruolo dell’attaccamento e dell’avversione

· L’accettazione e il lasciar essere

3° weekend – conduce Giuseppe Goldoni

.Sabato 1 aprile

· Metodi utilizzati dall’uomo comune per ridurre lo stress

· Gestire lo stress secondo i testi tradizionali dello yoga

· Stress: fase psichica, fase psico-somatica, fase somatica e fase organica

· L’approccio yoga di tipo cinestesico nella gestione dello stress: sviluppo dell’esperienza

cinestesica dei movimenti respiratori, eventuale correzione degli stessi e loro ampliamento

(vayu shuddi, nadi shuddhi, prana-ayama)

· Consapevolezza dei pensieri, comportamenti e delle memorie associate all’aspetto somatico del

S.N.C.

· Esperienza degli aspetti mentali: la mente che percepisce (manas), la mente che analizza e

decide (buddhi) la mente che agisce attraverso il movimento volontario (ahamkar)

Domenica 2 aprile · Stress e disturbi psico-somatici: i tre cervelli secondo la neuro-fisiologia

· L’approccio yoga di tipo viscerocettivo nella gestione dello stress e dei disturbi pisco-somatici:

stimolare il sistema neuro-vegetativo, fare esperienza delle cavità del corpo e stimolarle (prana

sparsha e prana shakti)

· Stress ed emozioni: rilasciare tensioni viscerali profonde, emozioni e memorie ad esse associate

(manas shuddi).

LUCIA RAMPONI
Laurea Psicopedagogia specializzazione in clinica. Nel 1995 inizia la sua formazione triennale e conseguimento del diploma di insegnante yoga. Dal 1995 al 2005 segue gli insegnamenti della scuola Parinama diretta del maestro Bruno Baleotti.Partecipa a numerosi approfondimenti di Yoga Dinamico con vari maestri sia in Italia che all’estrero Nel 1997 consegue l’attestato di insegnante di Hatha yoga UISP. Dal 2000 al 2010 frequenta e pratica il metodo Yoga Ratna della maestra Gabriella Cella Al-Chamali, partecipando a seminari e intensivi di orientamento e formazione. Dal 2005 a tutt’oggi studia e pratica il metodo Yoga Terapia del Dr. M. V. Bhole, medico fisiologo indiano che si occupa da più di 40 anni di ricerca applicata allo yoga, partecipando ai seminari residenziali intensivi di orientamento e formazione insegnanti. Dal 2008 al 2013 frequenta i corsi di orientamento e formazione in ginnastica posturale e Postural Mézières. Nel 2001 si dedica alla ricerca yogica recandosi in India, dove rimane per circa un anno, frequentando scuole di yoga e di arte marziale indiana Kalaripayattu e a tutt’oggi partecipa a seminari di approfondimento alle pratiche di yoga  con vari maestri, sia in Italia che all’estero.

MASSIMO BONOMELLI
Laurea in Economia Aziendale con specializzazione in marketing presso l’Università Commerciale L. Bocconi di Milano. Frequentazione di corsi di orientamento nello yoga, anche individuali, del Dr. M. V. Bhole, sia in Italia che in India. Frequentazione di ritiri di vipassana con Bhante Sujiva in Italia e all’estero. Diploma di counseling transpersonale presso la scuola Mindfulness Counseling, Pomaia. Shamata Project – 8 weeks retreat con B. Alan Wallace a Pukhet 7 days training in mind and body medicine con J. Kabat-Zinn negli USA.

GIUSEPPE GOLDONI
Si laurea in Scienze Motorie all’Università di Bologna. Dal 1992 inizia la sua formazione in Yoga Terapia e Yoga Esperienziale con il Dr M. V. Bhole (medico fisiologo, ricercatore) di cui è tuttora collaboratore. Si interessa di neurofisiologia dello yoga.
È docente presso la scuola di formazione insegnanti Yoga ISYCO di Bologna. Si è specializzato in Yoga per gli occhi e in Educazione Visiva (Metodo Bates e Metodo Zandonella). Vive e lavora nella provincia di Modena. 

A chi si rivolge:Insegnanti yoga Studenti esperti (almeno un anno di pratica) operatori dell’area benessere o socio-sanitaria
Numero ore previste: 3 week end di 12 ore ciascuno (Sabato 10-18 con pausa pranzo di 1 ora Domenica ore 9-13)
Sede degli incontri: Ass. PGM, via Santa Rita 4/a, Bologna
Costo: 500 euro di cui 250 euro da versare come caparra entro il 4 febbraio 2017,saldo di 250 entro il secondo incontro. La quota comprende: il costo dell’intero ciclo di incontri. In aggiunta: la quota associativa PGM di 20 euro che include costi assicurativi e la possibilità di partecipare alle numerose attività organizzate per i soci.
Diploma: Alla fine del ciclo di incontri verrà rilasciato ai partecipanti il Diploma di Post Formazione di “Yoga nella gestione dello stress” riconosciuto dalla YANI – Associazione Nazionale Insegnanti Yoga.
Partecipanti: Numero minimo 10 persone.
Informazioni e iscrizioni: Ass. PGM s.d., via Santa Rita 4/a Bologna, 335.5302453, 051.333303
yoga.lab.bo@gmail.com
www.pgmbologna.com
www.yogalabbo.wordpress.com

Annunci